Gli studenti di Faenza hanno incontrato i gemelli di Schwäbisch Gmünd

E’ arrivato aprile ed insieme alla primavera si è aperta la stagione di viaggi e incontri per gli studenti faentini, alla scoperta delle città gemellate. Nell’anno del 50esimo anniversario del Premio Europa, prosegue l’impegno dell’Associazione per i Gemellaggi con il Comune di Faenza in supporto alle iniziative in calendario. La costruzione della cittadinanza europea viene affidata alle esperienze degli studenti faentini, con l’obiettivo di favorire l’acquisizione di una coscienza europea dei giovani Uno scambio reciproco all’interno di una realtà comune che si basa sui valori di tolleranza, solidarietà e comprensione.

Da mercoledì 4 aprile le classi terze della Scuola Media Cova-Lanzoni sono state in visita di istruzione a Schwäbisch Gmünd. Ad accompagnare gli studenti c’erano la DS Paola Fiorentini insieme a sette docenti della scuola, oltre alla Presidentessa Maria Scolaro e la Vicepresidentessa Carla Benedetti dell’Associazione Gemellaggi, che hanno collaborato all’organizzazione del viaggio. Durante la trasferta tedesca, ai ragazzi è stato chiesto di catturare le immagini di alcuni momenti di questa esperienza e le foto più significative verranno poi incluse in un concorso fotografico.

Giovedì 5 le classi sono state ricevute in Comune; oltre alla città di Schwäbisch Gmünd e il vicino monastero di Loch, gli alunni hanno visitato Stoccarda il 6 aprile, con tappa al Museo Mercedes; il 7 aprile il tour si è chiuso con la città di Ulm, – nota per aver dato i natali ad Albert Einstein – prima di rientrare a Faenza in serata.

Parallelamente, anche la città Faenza ha aperto le sue porte ad una scolaresca francese in viaggio d’istruzione. Ad essere ospitati sono stati gli studenti della Scuola Media di Aubagne, legata a Faenza per essere l’altra città ospitante della manifestazione ceramica biennale Argillà. Gli studenti sono stati accolti dal sindaco Giovanni Malpezzi il 6 aprile alle 10 per un ricevimento ufficiale presso la Residenza Municipale, seguito da una visita del centro storico e del Teatro Masini. Nel pomeriggio, erano in programma i laboratori ceramici al MIC e una visita alla Bottega Mirta Morigi di via Barbavara. Uno scambio anche nel nome della ceramica, tradizione comune per entrambe le città.

IMG_8113

Infine, dall’8 al 14 aprile sono gli studenti del Liceo Torricelli a chiudere il valzer degli incontri con uno scambio scolastico col Parler Gymnasium di Schwäbisch Gmünd. Il viaggio d’istruzione si articolerà in momenti di dialogo ed escursioni in centro città e dintorni, inclusa una giornata a Stoccarda.

Attraverso la condivisione e favorendo la comunicazione tra studenti in ambito europeo, le giovani generazioni continuano a costruire ponti e arricchirsi attraverso la conoscenza di culture, tradizione e lingue diverse.

 

Erika Benedetti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *